Esitammo un istante
e dopo poco riconoscemmo
di avere la stessa malattia.
Non vi è definizione
per questa mirabile tortura,
c’è chi la chiama spleen
e chi malinconia.
Ma se accettiamo il gioco
ai margini troviamo
un segno intelleggibile
che può dar senso al tutto.

  • 0
  • 0
  •  
  •  
Login per commentare...
Email

Altre opere di Eugenio Montale...

Alcuni poeti che seguono Eugenio Montale...

Laura Bertolini