La mia regina dorme
 
stanca e senza colpa,
 
chiama Tristano!
 
E Tristano ritorna,
 
in una fragile danza,
 
finché il respiro la sveglia
 
e le schiude le labbra
 
insidiandosi amoroso
 
nell’allegria perversa
 
del getto percosso
 
che la fa rossa in viso,
 
spinta fino al cervello
 
con le odorose mani,
 
nel balbettìo di stelle
 
che le danno la pena
 
degli occhi e degli archi
 
che si distendono,
 
che si rivestono
 
e si separano.

  • 0
  • 1
  •  
  •  
Login per commentare...

Piaciuto o affrontato da...

Yuni
Email

Altre opere di Laura Bertolini...

Alcuni poeti seguiti da Laura Bertolini...

Mary Oliver Luca Massaro Ada Zoe Eugenio Montale steven Giovanni Pascoli