Ti libero la fronte dai ghiaccioli
che raccogliesti traversando l’alte
nebulose; hai le penne lacerate
dai cicloni, ti desti a soprassalti.
 
Mezzodì: allunga nel riquadro il nespolo
l’ombra nera, s’ostina in cielo un sole
freddoloso; e l’altre ombre che scantonano
nel vicolo non sanno che sei qui.

  • 0
  • 0
  •  
  •  
Login per commentare...

Piaciuto o affrontato da...

Email

Altre opere di Eugenio Montale...

Alcuni poeti che seguono Eugenio Montale...

Laura Bertolini