Loading...

Un rimorso

I.
 
O il tetro Palazzo Madama...
la sera... la folla che imbruna...
Rivedo la povera cosa,
 
la povera cosa che m’ama:
la tanto simile ad una
piccola attrice famosa.
 
Ricordo. Sul labbro contratto
la voce a pena s’udì:
“O Guido! Che cosa t’ho fatto
di male per farmi così?”
 
II.
 
Sperando che fosse deserto
varcammo l’androne, ma sotto
le arcate sostavano coppie
 
d’amanti... Fuggimmo all’aperto:
le cadde il bel manicotto
adorno di mammole doppie.
 
O noto profumo disfatto
di mammole e di petit-gris...
“Ma Guido che cosa t’ho fatto
di male per farmi così?".
 
III.
 
Il tempo che vince non vinca
la voce con che mi rimordi,
o bionda povera cosa!
 
Nell’occhio azzurro pervinca,
nel piccolo corpo ricordi
la piccola attrice famosa...
 
Alzò la veletta. S’udì
(o misera tanto nell’atto!)
ancora: "Che male t’ho fatto,
o Guido, per farmi così?".
 
IV.
 
Varcammo di tra le rotaie
la Piazza Castello, nel viso
sferzati dal gelo più vivo.
 
Passavano giovani gaie...
Avevo un cattivo sorriso:
eppure non sono cattivo,
 
non sono cattivo, se qui
mi piange nel cuore disfatto
la voce: "Che male t’ho fatto,
o Guido per farmi così?".
Other works by Guido Gozzano ...



Top