Caricamento in corso...

Ada Negri

Ada Negri (Lodi, 3 febbraio 1870 – Milano, 11 gennaio 1945) è stata una poetessa, scrittrice e insegnante italiana.

Ada Negri (Lodi, 3 febbraio 1870 – Milano, 11 gennaio 1945) è stata una poetessa, scrittrice e insegnante italiana.

È ricordata inoltre per essere stata la prima e unica donna a essere ammessa all’Accademia d’Italia.

Biografia

Ada Negri nacque a Lodi il 3 febbraio 1870. Le sue origini erano umili: suo padre Giuseppe era vetturino e sua madre, Vittoria Cornalba, tessitrice; passò l’infanzia nella portineria del palazzo dove la nonna, Peppina Panni, lavorava come custode presso la nobile famiglia Barni, legata un tempo al celebre mezzosoprano Giuditta Grisi, fino alla morte della quale era stata governante Peppina: sul rapporto tra Grisi e la sua famiglia, Ada costruirà il mito della propria infanzia. In portineria Ada passava molto tempo sola, osservando il passaggio delle persone, come descritto nel romanzo autobiografico Stella Mattutina (1921).

Ad appena un anno dalla nascita rimase orfana del padre, avvinazzato e avvezzo al canto, considerato, dunque, un peso dalla madre Vittoria: fu grazie ai sacrifici di questa, la quale cercò un guadagno sicuro in fabbrica, che Ada poté frequentare la Scuola Normale femminile di Lodi, ottenendo il diploma di insegnante elementare.

Il suo primo impiego fu al Collegio Femminile di Codogno, nel 1887. La vera esperienza d’insegnamento che segnò la sua vita e la produzione artistica, però, fu intrapresa a partire dal 1888, nella scuola elementare di Motta Visconti, paesotto in provincia di Milano nel quale Ada passò il periodo più felice della sua vita; al mestiere di maestra è legata e contemporanea l’attività di poetessa: fu in questo periodo che iniziò a pubblicare i suoi scritti su un giornale lombardo, il Fanfulla di Lodi. In questo periodo compose le poesie poi pubblicate nel 1892 nella raccolta Fatalità: questo libro ebbe un grande successo, portando Ada ad acquistare grande fama, a tal punto che, su decreto del ministro Zanardelli, le fu conferito il titolo di docente per chiara fama presso l’Istituto superiore “Gaetana Agnesi” di Milano. Così si trasferì con la madre nel capoluogo lombardo.A Milano entrò in contatto con i membri del Partito socialista italiano, anche grazie agli apprezzamenti ricevuti da alcuni di essi per la propria produzione poetica, nella quale è molto sentita la questione sociale. Tra loro ebbe un ruolo fondamentale il giornalista Ettore Patrizi, col quale ebbe intense relazioni epistolari; conobbe poi Filippo Turati, Benito Mussolini e Anna Kuliscioff (della quale ebbe a dire di sentirsi sorella ideale).

Nel 1894 vinse il Premio Giannina Milli per la poesia. Nello stesso anno uscì la sua seconda raccolta di poesie, Tempeste, meno apprezzata di Fatalità, nonché vittima di una forte critica da parte di Luigi Pirandello. In questo periodo la sua lirica si concentrò soprattutto su temi sociali ed ebbe forti toni di denuncia, tanto da farla definire la poetessa del Quarto Stato.

Il 1896 fu l’anno di uno sbrigativo e presto fallimentare matrimonio con Giovanni Garlanda, industriale tessile di Biella, dal quale ebbe la figlia Bianca, ispiratrice di molte poesie, e un’altra bambina, Vittoria, che morì a un mese di vita.

Da questo periodo le sue vicende personali modificarono fortemente la sua poetica e le sue opere divennero fortemente introspettive e autobiografiche, come si vede in Maternità, pubblicata nel 1904, e Dal Profondo (1910).

La separazione con Garlanda avvenne nel 1913, anno in cui Ada si trasferì a Zurigo, dove rimase fino all’inizio della Prima guerra mondiale e dove strinse amicizia, tra gli altri, con Fulcieri Paulucci de Calboli; da Zurigo scrive Esilio, pubblicato nel 1914, opera con evidente riferimento autobiografico, e la raccolta di novelle Le solitarie, pubblicata nel 1917, opera moderna ed attenta alle molte sfaccettature della tematica femminile. L’anno seguente esce Orazioni, raccolta di odi alla patria: gli anni della guerra avevano trasformato la passione civile in patriottismo, accompagnato all’avvicinamento alle posizioni mussoliniane. Dal 1915 si ha traccia della sua presenza a Lodi attraverso la corrispondenza con l’attrice Paola Pezzaglia, interprete sulle scene della sua poesia.La corda principale della sua poesia erano ormai i sentimenti e, avanzando gli anni, la memoria: nel 1919, lo stesso anno in cui moriva la madre Vittoria, da un’altra esperienza amorosa nasceva una nuova raccolta di poesie, Il libro di Mara, raccolta inusuale per la società cattolica e conservatrice di quell’epoca. Due anni dopo, nel 1921, anno del matrimonio della figlia Bianca, è la volta di Stella mattutina, romanzo autobiografico di successo.

Nel 1926 e nel '27 Ada Negri venne nominata al Premio Nobel per la Letteratura.

Nel 1931 l’autrice fu insignita del Premio Mussolini per la carriera; erano gli anni in cui Benito Mussolini ancora utilizzava i rapporti nati nel suo periodo socialista. Il premio consacrò Ada Negri come intellettuale di regime, tanto che nel 1940 fu la prima donna membro dell’Accademia d’Italia.Ma ormai la sua vita era permeata da profondo pessimismo, chiusa in se stessa e in una ritrovata religiosità che la portarono ad affondare in un progressivo oblio.

Morì nel 1945 e fu sepolta nel famedio di Milano. Il 3 aprile 1976 la sua tomba è stata traslata nell’antica Chiesa di San Francesco a Lodi.

Influenze

Scolastiche

Dante Alighieri
Giacomo Leopardi
Omero
Ugo Foscolo

Personali

Gabriele d’Annunzio: imponente modello linguistico in quegli anni, soprattutto nella cosiddetta prosa d’arte.
Arnaldo Fusinato: poeta semplice, conosciuto e recitato dalla madre Vittoria.
Henrik Ibsen, con la sua opera Casa di bambola, incentrata sulla condizione della donna nell’Ottocento.
Anna Kuliscioff: per l’ispirazione e la formazione politica.
Mario Rapisardi: Ada ne ama il binomio popolo e arte.
Scapigliatura: Iginio Ugo Tarchetti con Fosca, le cui protagoniste femminili hanno molto in comune coi modelli de Le solitarie; Arrigo Boito con Dualismo, del quale Ada apprezza la voce monologante, la dissociazione e la tendenza all’antitesi.

Verismo (e Naturalismo), da cui Ada trae lo stile indiretto libero e col quale ha in comune l’interesse per le classi sociali più umili.
Walt Whitman, dal quale apprende il rapporto natura-anima, presente soprattutto nelle poesie.

Opere

Poesia

Fatalità, Milano, F.lli Treves, 1892
Tempeste Milano, F.lli Treves, 1895
Maternità, Milano, F.lli Treves, 1904
Dal Profondo, Milano, F.lli Treves, 1910
Esilio, Milano, F.lli Treves, 1914
Orazioni, Milano, F.lli Treves, 1918
Il libro di Mara, Milano, F.lli Treves, 1919
traduzione inglese da Maria A. Costantini: The Book of Mara, New York, Italica Press, 2011
I canti dell’isola, Milano, Mondadori, 1924
traduzione inglese da Maria A. Costantini: Songs of the Island, New York, Italica Press, 2011
Vespertina, Milano, Mondadori, 1930
Il dono, Milano-Verona, A. Mondadori, 1936
Fons amoris,1939-1943,  Milano, A. Mondadori, 1946 (postumo)
Le cartoline della nonna, Firenze, Giunti-Nardini, 1973 (postumo)
Poesie, a cura e con introduzione di Silvio Raffo, Milano, Mondadori, 2002 (postumo)

Impostazioni di poesie

Pasqua di Resurrezione e molti altri, vedono Paola Maurizi, Ettore Patrizi, Ada Negri e la musica: Musiche su versi di Ada Negri

Narrativa

Le solitarie, novelle, Milano, Castoldi, 1917
Stella mattutina, Roma-Milano, A. Mondadori, 1921
Finestre alte,  novelle, Milano, A. Mondadori, 1923
Le strade, Milano, A. Mondadori, 1926
Sorelle, Milano, A. Mondadori, 1929
Di giorno in giorno, prose, Milano, A. Mondadori, 1932
Erba sul sagrato, intermezzo di prose, 1931-9-1939-17,  Milano, A. Mondadori, 1939
Oltre, prose e novelle,  Milano, A. Mondadori, 1946 (postumo)
Santa Caterina da Siena, Biografia, Edizione Cateriniane, 1961(?, postumo)

Riferimenti

Wikipedia – https://it.wikipedia.org/wiki/Ada_Negri




Top