Caricamento in corso...

Rendete agli occhi mei, o fonte o fiume

Rendete agli occhi mei, o fonte o fiume,
l’onde della non vostra e salda vena,
che più v’innalza e cresce, e con più lena
che non è ’l vostro natural costume.
 E tu, folt’aïr, che ’l celeste lume
tempri a’ trist’occhi, de’ sospir mie piena,
rendigli al cor mie lasso e rasserena
tua scura faccia al mie visivo acume.
 Renda la terra i passi alle mie piante,
c’ancor l’erba germugli che gli è tolta,
e ’l suono eco, già sorda a’ mie lamenti;
 gli sguardi agli occhi mie tuo luce sante,
ch’i’ possa altra bellezza un’altra volta
amar, po’ che di me non ti contenti.

#ScrittoriItaliani (XVI Rime secolo)

Altre opere di Michelangelo Buonarroti ...



Top