Loading...

Fior di plebe

Tu la vedesti mai?... Sembra di rame
La sua pelle morata.
È una dea che ha per letto il nudo strame,
Una dea folleggiante ed abbronzata.
 
Sorride sempre ed ha sì bianchi i denti,
E il labbro sì vermiglio,
Che ti provoca ai baci.—In cor tu senti
L’alta malìa del luminoso ciglio;
 
E un turbamento che spiegar non sai
Le tue viscere afferra.
Ma d’esser bella ella non seppe mai,
E non ama che me sopra la terra!...
 
.... Tutte le sere, sola, essa m’attende
Su quel canto di via.
Quando mi vede, l’occhio suo s’accende,
La sua voce diventa melodìa;
 
Ed all’orecchio mi bisbiglia cento
Folli e semplici cose.—
Il batter lesto del suo core io sento,
L’alito de le labbra desïose;
 
E sento che benchè ricco soltanto
Io sia d’un saldo braccio.
Ella sarà felice a me daccanto,
Niuno la strapperà da questo abbraccio!...
 
.... Sai?... Le dissero un dì ch’io la tradìa;
E le dissero il nome
Da la nemica.—Tacita s’avvia.
Anelante il respir, sfatte le chiome;
 
La vede, la minaccia, s’accapiglia.
La sfregia con un morso;
Come indòmo cavallo che si sbriglia.
Tutta la rabbia sua disfrena il corso.
 
.... Io ritorno alla sera.—A me s’avvince
Ella, tutta tremante;
E colla voce che ogni sdegno vince,
Col grand’occhio bagnato e supplicante,
 
Scomposta, paurosa, scarmigliata,
Bellissima d’amore,
Umil come una schiava appassionata,
Ammalïante come schiuso fiore,
 
«Perdonami,» susurra,—e colla mano
Carezzando mi viene—
«Non disamarmi, non fuggir lontano....
Mi vendicai perchè ti voglio bene.»

Other works by Ada Negri ...



Top