Cargando...

Sangue

Sangue ch’io vedo—se i grand’occhi neri
socchiudo in languidezza di desìo—
scorrer per vene e muscoli nel mio
corpo, dal capo eretto ai piè leggeri:
 
sangue ch’io sento insorgere al cervello,
fumida vampa, ed affluirmi al cuore:
so la tua forza, gusto il tuo sapore,
da te ogni giorno ho un fremito novello.
 
E sia tu d’altri, e grondi in mischia, o sgorghi
nerastro da ferita volontaria,
o, decomposto, il sol, la terra, l’aria
ti rïassorban ne’ lor vasti gorghi:
 
o ti rapprenda in grumi all’orifizio
delle piaghe nascoste, che il silenzio
benda di spine, abbevera d’assenzio,
inacerba qual corda di supplizio:
 
o splenda e arda, animator fecondo,
nelle vene di chi per vincer nacque:
o, col flusso instancabile dell’acque
oceaniche, gonfî il cuor del mondo:
 
tutto per me ti addensi, meraviglia
di vita, di beltà, di passïone,
in questa che fiorì sul mio balcone
in un’alba d’amor, rosa vermiglia.

Otras obras de Ada Negri ...



Top