Caricamento in corso...

Per croce e grazia e per diverse pene

Per croce e grazia e per diverse pene
son certo, monsignor, trovarci in cielo;
ma prima c’a l’estremo ultimo anelo,
goderci in terra mi parria pur bene.
 Se l’aspra via coi monti e co ’l mar tiene
l’un da l’altro lontan, lo spirto e ’l zelo
non cura intoppi o di neve o di gelo,
né l’alia del pensier lacci o catene.
 Ond’io con esso son sempre con voi,
e piango e parlo del mio morto Urbino,
che vivo or forse saria costà meco,
 com’ebbi già in pensier. Sua morte poi
m’affretta e tira per altro cammino,
dove m’aspetta ad albergar con seco.

#ScrittoriItaliani (XVI Rime secolo)

Altre opere di Michelangelo Buonarroti ...



Top