Caricamento in corso...
Quantunche ’l tempo ne costringa e sproni
ognor con maggior guerra
a rendere alla terra
le membra afflitte, stanche e pellegrine,
non ha per ’ncor fine
chi l’alma attrista e me fa così lieto.
Né par che men perdoni
a chi ’l cor m’apre e serra,
nell’ore più vicine
e più dubiose d’altro viver quieto;
ché l’error consueto,
com più m’attempo, ognor più si fa forte.
O dura mia più c’altra crudel sorte!
tardi orama’ puo’ tormi tanti affanni;
c’un cor che arde e arso è già molt’anni
torna, se ben l’ammorza la ragione,
non più già cor, ma cenere e carbone.

#ScrittoriItaliani (XVI Rime secolo)

Altre opere di Michelangelo Buonarroti ...



Top