Cargando...

Quel generoso mio guerriero interno

Quel generoso mio guerriero interno,
    Ch’armato in guardia del mio core alberga
    Pur come duce di guerrieri eletti,
    A lei, ch’in cima siede ove il governo
    Ha di nostra natura e tien la verga,
    Ch’al ben rivolge gli uni e gli altri affetti,
    Accusa quel ch’a i suoi dolci diletti
    L’anima invoglia, vago e lusinghiero:—
    Donna, del giusto impero
    C’hai tu dal ciel, che ti creò sembiante
    A la virtú che regge
    I vaghi errori suoi con certa legge,
    Non fui contrario ancora o ribellante,
    Né mai trascorrer parmi
    Sí che non possa a tuo voler frenarmi.
Ma ben presi per te l’armi sovente
    Contra il desio, quando da te si scioglie
    Ed a’ richiami tuoi l’orecchie ha sorde,
    E, qual di varie teste empio serpente,
    Sé medesmo divide in molte voglie
    Rapide tutte e cupide ed ingorde,
    E sovra l’alma stride e fischia e morde,
    Sí che dolente ella sospira e geme
    E di perirne teme.
    Queste sono da me percosse e dome,
    E molte ne recido,
    Ne fiacco molte e lui non anco uccido:
    Ma le rinnova ei poscia e, non so come,
    Via piú tosto ch’augello
    Le piume o i tronchi rami arbor novello.
Ben il sai tu, che sovra il fosco senso
    Nostro riluci sí da l’alta sede
    Come il sol che rotando esce di Gange;
    E sai come il desio piacere intenso
    In quelle sparge, ond’ei l’anima fiede,
    Profonde piaghe e le riapre e l’ange;
    E sai come si svolga e come cange
    Di voglia in voglia al trasformar d’un viso,
    Quando ivi lieto un riso
    O quando la pietà vi si dimostra,
    O pur quando talora
    Qual vïola il timor ei vi colora,
    O la bella vergogna ivi s’inostra;
    E sai come si suole
    Raddolcir anco al suon de le parole.
E sai se quella che sí altera e vaga
    Si mostra in varie guise, e ’n varie forme
    Quasi nuovo e gentil mostro si mira,
    Per opra di natura o d’arte maga
    Sé medesma e le voglie ancor trasforme
    De l’alma nostra che per lei sospira.
    Lasso! qual brina al sole o dove spira
    Tepido vento si discioglie il ghiaccio,
    Tal ancor io mi sfaccio
    Spesso a’ begli occhi ed a la dolce voce;
    E, mentre si dilegua
    Il mio vigor, pace io concedo o tregua
    Al mio nemico; e quanto è men feroce
    Tanto più forte il sento,
    E volontario a’ danni miei consento.
Consento che la speme, onde ristoro
    Per mia natura prendo e mi rinfranco
    E nel dubbio m’avanzo e nel periglio,
    Torca da l’alto obietto a’ bei crin d’oro
    O la raggiri al molle avorio e bianco
    Ed a quel volto candido e vermiglio;
    O la rivolga al varïar del ciglio,
    Quasi fosse di lui la spene ancella
    E fatta a me ribella.
    Ma non avvien che il traditor s’acqueti;
    Anzi del cor le porte
    Apre e dentro ricetta estranie scorte
    E fòra messi invia scaltri e secreti;
    E, s’io del ver m’avveggio,
    Me prender tenta e te cacciar di seggio.—
Cosí dic’egli, al seggio alto converso
    Di lei che palma pur dimostra e lauro;
    E ’l dolce lusinghier cosí risponde:—
    Alcun non fu de’ miei consorti avverso
    Per sacra fame a te di lucido auro
    Ch’ivi men s’empie ov’ella piú n’abonde;
    Né per brama d’onor ch’i tuoi confonde
    Ordini giusti. E s’io rara bellezza
    Seguii sol per vaghezza,
    Tu sai ch’a gli occhi desïosi apparse
    Donna cosí gentile
    Nel mio piú lieto e piú felice aprile
    Che ’l giovinetto cor súbito n’arse:
    Per questa al piacer mossi
    Rapidamente e dal tuo fren mi scossi.
Forse, io no ’l niego, incauto allor piagai
    L’alma; e se quelle piaghe a lei fûr gravi,
    Ella se ’l sa tanto il languir le piace,
    E per sí bella donna anzi trar guai
    Toglie, che medicine ha sí soavi,
    Che gioir d’altra, e ne’ sospir no ’l tace.
    Ma questo altero mio nemico audace,
    Che per leve cagion, quando piú scherza,
    Sé stesso infiamma e sferza,
    In quella fronte piú del ciel serena
    A pena vide un segno
    D’irato orgoglio e d’orgoglioso sdegno
    E d’avverso desire un’ombra a pena,
    Che schernito si tenne,
    E del dispregio sprezzator divenne.
Quanto ei superbí poscia e ’n quante guise
    Fu crudel sovra me, già vinto e lasso
    Nel corso e per repulse isbigottito,
    Il dica ei che mi vinse e non m’ancise;
    Se ’n glorii pur ch’io glorïare il lasso.
    Questo io dirò, ch’ei folle, e non ardito,
    Incontra quel voler che teco unito
    Tale ognor segue chiare interne luci
    Qual io gli occhi per duci,
    Non men che sovra ’l mio l’armi distrinse;
    Perché ’l vedea sí vago
    De la beltà d’una celeste imago
    Come foss’io, né lui da me distinse;
    Né par che ben s’avveda
    Che siam qua’ figli de l’antica Leda.
Non siam però gemelli: ei di celeste,
    Io nacqui poscia di terrena madre;
    Ma fu il padre l’istesso, o cosí stimo:
    E ben par ch’egualmente ambo ci deste
    Un raggio di beltà, che di leggiadre
    Forme adorna e colora il terren limo.
    Egli s’erge sovente, ed a quel primo
    Eterno mar d’ogni bellezza arriva
    Ond’ogni altro deriva:
    Io caggio, e ’n questa umanità m’immergo:
    Pur a voci canore
    Tal volta ed a soave almo splendore
    D’occhi sereni mi raffino ed ergo,
    Per dargli senza assalto
    Le chiavi di quel core in cui t’essalto.
E con quel fido tuo, che d’alto lume
    Scòrto si move, anch’io raccolgo e mando
    Sguardi e sospiri, miei dolci messaggi.
    Per questi egli talor con vaghe piume
    N’esce, e tanto s’inalza al ciel volando
    Che lascia a dietro i tuoi pensier piú saggi.
    Altre forme piú belle ad altri raggi
    Di piú bel sol vagheggia; ed io felice
    Sarei, com’egli dice,
   Se tutto unito a lui seco m’alzassi:
    Ma la grave e mortale
    Mia natura mi stanca in guisa l’ale,
    Ch’oltre i begli occhi rado avvien ch’i’ passi.
    Con lor tratta gl’inganni
    Il tuo fedel seguace, e no ’l condanni.
Ma s’a te non dispiace, alta regina,
    Che là donde in un tempo ambo partiste,
    Egli rapido torni e varchi il cielo,
    Condotto no, ma da virtú divina
    Rapto, di forme non intese o viste;
    A me, che nacqui in terra, e ’n questo velo
    Vago d’altra bellezza, e non te ’l celo,
    Perdona, ove talor troppo mi stringa
    Con lui che mi lusinga.
    Forse ancora avverrà ch’a poco a poco
    Di non bramarlo impari,
    E col voler mi giunga e mi rischiari
    A’ rai del suo celeste e puro foco,
    Come nel ciel riluce
    Castore unito a l’immortal Polluce.—
Canzon, cosí l’un nostro affetto e l’altro
    Davanti a lei contende
    Ch’ambo li regge, e la sentenza attende.

Introduce lo Sdegno a contender con Amore avanti la Ragione.

#ScrittoriItaliani

Otras obras de Torquato Tasso...



Top