Loading...

A Marie Bashkirtseff

Da l’ampia tela, ammaliante e fisso
Mi persegue il tuo sguardo; e a sè m’attira
                       Come bocca d’abisso.
 
Sotto la chioma d’ôr fina e fluente
Sei tutta bianca, e le rosate nari
                       Vibran nervosamente:
 
Dice il labbro serrato: «Io penso e voglio:»
Dice la fronte non curvata mai:
                       «Io nacqui al lauro e al soglio.»
 
.... Senti. È ver che sei morta, o bionda Slava,
Che tesori d’ingegno a noi portasti
                       Dai ghiacci di Poltawa;
 
Che nel silenzio de le tristi nevi
Come rosa sbocciasti, e inconsumata
                       Sete di gloria avevi?...
 
Del genio coll’ignoto a te la guerra;
A te la fantasia che tutto sfiora,
                       E irruendo si sferra;
 
A te la melodia che ha preci e schianti.
Che parla, erompe, impreca e si contorce
                       Su le corde pulsanti;
 
A te la tela ove gioia e dolore,
E carne e sole ed anima diventa
                       Lo sprazzo del colore.
 
Che trionfo di vita e di baldanza.
Quanta grandezza in te, quanto futuro,
                       Che soffio di speranza!...
 
Fiore di landa fra le nevi aperto,
Tu sognavi, sul verde agile stelo,
                       I cieli del deserto:
 
Gracil patrizia, tu gli abeti foschi
Sospiravi de l’Alpe, il mar di spuma,
                       La libertà dei boschi.
 
.... Or di te che rimane, o battagliera
Figlia de l’Arte?... Una ferrata cassa
                       Sotto la terra nera;
 
Su la cassa una croce esposta ai venti;
Dentro, fra i vermi, il tuo teschio che ride,
                       Ride, mostrando i denti.
 

*

 
.... Null’altro?...—Calma senza fine grava
Nella notte, dintorno.—Io su la tela
                       Ti miro, o bionda Slava.
 
Il cangiante tuo sguardo m’incatena:
Qualchecosa di te m’entra nel core,
                       E tutta m’avvelena.
 
Una elettrica forza si sprigiona
Dalla regal tua forma—e mi serpeggia
                       Per tutta la persona;
 
Ed io mi sento te.—Del martellante
Desìo d’ignoto che il tuo sen minava
                       Sento l’alito ansante.
 
Sento l’innata facoltà che crea;
Sento pulsar nel cérebro l’acuta
                       Vertigin dell’idea.
 
Vedo la morte rotear da lunge
Già guatando il mio capo; algida larva
                       S’appressa e mi raggiunge;
 
Come in te, tutto stralcia e tutto annienta.
Cala il corvo a gracchiar su la rovina:
                       Fuma la torcia spenta.
 
Nulla dunque di noi, nulla più resta?...
Io lancio a te l’angoscïoso grido
                       Dell’anima in tempesta.
 
Ma la terra non sa, Dio non risponde!...
Ne l’infinito il gemito s’inghiotte
                       Come sasso ne l’onde.
 
Mentre su i dubbi de l’ignare genti,
O trapassata, il teschio tuo sorride
                       Mostrando i tersi denti,
 
Del tuo spirto la vivida scintilla
Ne l’esser mio che morirà tra poco
                       Penètra, arde e sfavilla.

Other works by Ada Negri ...



Top