Caricamento in corso...

Mentre soggetto al tuo spietato regno

Mostra di temer piú le lusinghe che la crudeltà de la sua donna.

Mentre soggetto al tuo spietato regno
    Vissi, ove ricondurmi, Amor, contendi,
    Via piú de le procelle e de gl’incendi
    Temea pur l’ombra d’un tuo leve sdegno:
 
Or che ritratto ho il cor da giogo indegno
    L’arme ardenti de l’ira in van riprendi
    E ’n van tanti ver’ me folgori spendi,
    Né di mille tuoi colpi un fere il segno.
Vibra pur l’arme tue, faccia l’estremo
    D’ogni tua possa orgoglio ed onestate,
    Nulla curo io se tuoni o pur saetti.
Cosí mai d’amor lampo o di pietate
    Non veggia sí che speme il core alletti;
    Ché mansueta lei, non fera, io temo.
Altre opere di Torquato Tasso ...



Top