Caricamento in corso...

Perché sì tardi e perché non più spesso

Perché sì tardi e perché non più spesso
con ferma fede quell’interno ardore
che mi lieva di terra e porta ’l core
dove per suo virtù non gli è concesso?
 Forse c’ogn’ intervallo n’è promesso
da l’uno a l’altro tuo messo d’amore,
perc’ogni raro ha più forz’e valore
quant’è più desïato e meno appresso.
 La notte è l’intervallo, e ’l dì la luce:
l’una m’agghiaccia ’l cor, l’altro l’infiamma10
d’amor, di fede e d’un celeste foco.

#ScrittoriItaliani (XVI Rime secolo)

Altre opere di Michelangelo Buonarroti ...



Top