Caricamento in corso...

Come vivrò ne le mie pene, Amore

Ad Amore, ne l’istesso soggetto.

Come vivrò ne le mie pene, Amore,
    Sí lunge dal mio core,
    Se la dolce memoria non m’aita
    Di lei ch’è la mia vita?
    Dolce memoria e spene,
    Imaginata vista e caro obietto,
    Voi siete il mio diletto
    La mia vita e ’l mio bene;
    Ma pur mezzo son io tra morto e vivo,
    Poi che del cor son privo.

#ScrittoriItaliani (XVI Rime d’amore secolo)

Altre opere di Torquato Tasso ...



Top