Caricamento in corso...

A’ servigi d’Amor ministro eletto

A’ servigi d’Amor ministro eletto
    Lucido specchio anzi ’l mio sol reggea,
    E specchio intanto a le mie luci io fea
    D’altro piú chiaro e piú gradito oggetto.
Ella al candido viso ed al bel petto
    Vaga di sua beltà gli occhi volgea,
    E le dolci arme, onde di morte è rea,
    D’affinar contra me prendea diletto.
Poi come terse fiammeggiar le vide
    Vèr me girolle e dal sereno ciglio
    Al cor volò piú d’un pungente strale;
Ma non previdi allor tanto periglio.
    Or, se Madonna a’ suoi ministri è tale,
    Quai fian le piaghe onde i rubelli ancide?

Invitato da la sua donna a tenerle lo specchio,
descrive quell’atto poeticamente.

#ScrittoriItaliani (XVI Rime d’amore secolo)

Altre opere di Torquato Tasso ...



Top