Caricamento in corso...

Quel d’eterna beltà raggio lucente

Quel d’eterna beltà raggio lucente
    Che v’infiora le guance e gli occhi alluma
    In questa nubilosa e fredda bruma
    Scalda la mia gelata e pigra mente;
E sveglia al core un desiderio ardente
    Onde, qual nuovo augel che l’ale impiuma,
    Volar vorrebbe e quasi leve piuma
    Quinci il pensier quindi il voler ei sente.
E voleria dove le stelle e ’l sole
    Vedria vicine, e co’ soavi giri
    Fra sé l’agguaglieria de gli occhi vostri:
Ma perch’ella talor comete e mostri
    D’orribil foco e nembi in ciel rimiri,
    Pur alto intende e si confida e vòle.

Dice a la sua donna d’esser acceso da la sua beltà ne la maggior
asprezza del verno.

#ScrittoriItaliani (XVI Rime d’amore secolo)

Altre opere di Torquato Tasso...



Top