Caricamento in corso...

Mentre Madonna s’appoggiò pensosa

Mentre Madonna s’appoggiò pensosa
    Dopo i suoi lieti e volontari errori
    Al fiorito soggiorno, i dolci umori
    Depredò, susurrando, ape ingegnosa;
E ne’ labri nudria l’aura amorosa
    Al sol de gli occhi suoi perpetui fiori,
    E volando a’ dolcissimi colori,
    Ella sugger pensò vermiglia rosa.
Ah, troppo bello error, troppo felice!
    Quel ch’a l’ardente ed immortal desio
    Già tant’anni si nega, a lei pur lice.
Vile ape, Amor, cara mercé rapio:
    Che piú ti resta, s’altri il mel n’elice,
    Da temprar il tuo assenzio e ’l dolor mio?

Chiama felice un’ape, la quale avea morso un labbro de la sua donna
mentre ch’ella dopo lungo passeggiare sedeva in un giardino.

#ScrittoriItaliani (XVI Rime d’amore secolo)

Altre opere di Torquato Tasso ...



Top