Caricamento in corso...

Amor, tu vedi, e non hai duolo o sdegno

Amor, tu vedi, e non hai duolo o sdegno,
    Ch’al giogo altrui madonna il collo inchina:
    Anzi ogni tua ragion da te si cede.
    Altri ha pur fatto, oimé, quasi rapina
    5Del mio dolce tesoro; or qual può degno
    Premio agguagliar la mia costante fede?
    Qual piú sperar ne lice ampia mercede
    De la tua ingiusta man, s’in un sol punto
    Hai le ricchezze tue diffuse e sparte?
    Anzi pur chiuse in parte
    Ove un sol gode ogni tuo ben congiunto.
    Ben folle è chi non parte
    Omai lunge da te, che tu non puoi
    Pascer se non di furto i servi tuoi.
Ecco già dal tuo regno il piè rivolgo,
    Regno crudo e ’nfelice: ecco io già lasso
    Qui le ceneri sparte e ’l foco spento.
    Ma tu mi segui e mi raggiungi, ahi lasso!;
    Mentre del mal sofferto in van mi dolgo,
    Ch’ogni corso al tuo volo è pigro e lento.
    Già via piú calde in sen le fiamme i’ sento
    E via piú gravi a’ piè lacci e ritegni;
    E come a servo fuggitivo e ’ngrato,
    Qui, sotto al manco lato,
    D’ardenti note il cor m’imprimi e ’l segni
    Del nome a forza amato;
    E perch’arroge al duol ch’è in me sí forte
    Formi al pensier ciò che piú noia apporte.
Ch’io scorgo in riva al Po Letizia e Pace
    Scherzar con Imeneo, che ’n dolce suono
    Chiama la turba a’ suoi diletti intesa.
    Liete danze vegg’io, che per me sono
    Funebri pompe, ed una istessa face
    Ne l’altrui nozze e nel mio rogo accesa;
    E, come Aurora in oriente ascesa,
    Donna apparir, che vergognosa in atto
    I rai de’ suoi begli occhi a sé raccoglia,
    E ch’altri un bacio toglia
    Pegno gentil del suo bel viso intatto,
    E i primi fior ne coglia,
    Que’ che già cinti d’amorose spine
    Crebber vermigli infra le molli brine.
Tu ch’a que’ fiori, Amor, d’intorno voli
    Qual ape industre e ’n lor ti pasci e cibi
    E ne sei cosí vago e cosí parco,
    Deh, come puoi soffrir ch’altri delibi
    Umor sí dolce e ’l caro mèl t’involi?
    Non hai tu da ferir saette ed arco?
    Ben fosti pronto in saettarmi al varco
    Allor che per vaghezza incauto venni
    Là ’ve spirar tra le purpuree rose
    Sentii l’aure amorose;
    E ben piaghe da te gravi io sostenni,
    Ch’aperte e sanguinose
    Ancor dimostro a chi le stagni e chiuda;
    Ma trovo chi l’inaspra ognor piú cruda.
Lasso! il pensier ciò che dispiace e duole
    A l’alma inferma or di ritrar fa prova
    E piú s’interna in tante acerbe pene.
    Ecco la bella donna, in cui sol trova
    Sostegno il core, or, come vite suole
    Che per sé stessa caggia, altrui s’attiene:
    Qual edera negletta or la mia spene
    Giacer vedrassi, s’egli pur non lice
    Che s’appoggi a colei ch’un tronco abbraccia.
    Ma tu, ne le cui braccia
    Cresce vite sí bella, arbor felice,
    Poggia pur, né ti spiaccia
    Ch’augel canoro intorno a’ vostri rami,
    L’ombra sol goda e piú non speri o brami.
Né la mia donna, perché scaldi il petto
    Di nuovo amore, il nodo antico sprezzi,
    Che di vedermi al cor già non rincrebbe:
    Od essa che l’avvinse essa lo spezzi;
    Però ch’omai disciorlo, in guisa è stretto,
    Né la man stessa che l’ordío potrebbe.
    E se pur, come volle, occulto crebbe
    Il suo bel nome entro i miei versi accolto
    Quasi in fertil terreno arbor gentile,
    Or seguirò mio stile,
    Se non disdegna esser cantato e cólto
    Da la mia penna umíle;
    E d’Apollo ogni dono in me fia sparso
    S’Amor de le sue grazie a me fu scarso.
Canzon, sí l’alma è ne’ tormenti avvezza,
    Che, se ciò si concede, ella confida
    Paga restar ne le miserie estreme.
    Ma se di questa speme
Avvien che ’l debil filo alcun recida,
    Deh, tronchi un colpo insieme,
    Ch’io ’l bramo e ’l chiedo, al viver mio lo stame
    E l’amoroso mio duro legame.

Si lamenta con Amore che la sua donna abbia preso marito, e la prega
che non si sdegni d’esser amata e celebrata da lui.

#ScrittoriItaliani (XVI Rime d’amore secolo)

Piaciuto o affrontato da...
Altre opere di Torquato Tasso ...



Top