Caricamento in corso...

Tu vedi, Amor, come trapassi e vole

Tu vedi, Amor, come trapassi e vole
    Col dí la vita e ’l fin prescritto arrive;
    Né trovo scampo onde la morte io schive,
    Ché non s’arresta a i nostri preghi il sole.
Ma, se pietosa mi riguarda e vuole
    Serbar madonna in me sue glorie vive,
    I begli occhi, onde al ciel l’ira prescrive,
    Drizzi vèr lui, pregando, e le pa
Ché, del suon vago e de la vista, il corso
    Fermerà Febo ed allungando il giorno
    Mi fia scemo il dolore e spazio aggiunto.
Ma chi m’affida, oimé, ch’al fin, compunto
    A l’alto paragon d’invidia e scorno
    Ei non rallenti a’ suoi destrieri il morso?

Appressandosi l’ora de la sua partita, prega la sua donna che volgendo
gli occhi nel cielo fermi il suo corso.

#ScrittoriItaliani (XVI Rime d’amore secolo)

Altre opere di Torquato Tasso ...



Top