Caricamento in corso...

Palustri valli ed arenosi lidi

Palustri valli ed arenosi lidi,
    Aure serene, acque tranquille e quete,
    Marini armenti, e voi che fatti avete
    A verno più soave i cari nidi;
Elci frondose, amici porti e fidi,
    Chi, tra le pescatrici accorte e liete,
    Dove hanno tesa con Amor la rete,
    Sarà ch’i passi erranti or drizzi e guidi?
Veggio la donna, anzi la vita mia,
    E ’l fune avvolto a la sua bianca mano
    Che trar l’alme co’ pesci ancor potria,
E ’l dolce riso lampeggiar lontano,
    Mentre il candido pié lavar desia
    E bagna il mar ceruleo lembo in vano.

Prima chiede a’ lidi ed a’ porti del mare che gli insegnino ove la sua
donna sia a pescare; poi mostra di veder tirar la rete.

#ScrittoriItaliani (XVI Rime d’amore secolo)

Altre opere di Torquato Tasso ...



Top