Caricamento in corso...

Quando l’alba si leva e si rimira

Quando l’alba si leva e si rimira
    Ne lo specchio de l’onde, allora i’ sento
    Le verdi fronde mormorare al vento,
    E cosí nel mio petto il cor sospira.
E l’aurora mia cerco; e s’ella gira
    Ver’ me le luci mi può far contento:
    E veggio i nodi che fuggir son lento,
    Da cui l’auro ora perde e men si mira.
Né innanzi al novo sol, tra fresche brine,
    Dimostra in ciel seren chioma sí vaga
    11La bella amica di Titon geloso,
Come in candida fronte è il biondo crine;
    Ma non par ella mai schifa né vaga
    Per giovenetto amante o vecchio sposo.

Dice che quando si leva l’alba egli va cercando
de la sua signora Laura.

(XVI Rime d’amore secolo)

Altre opere di Torquato Tasso ...



Top