Caricamento in corso...

Quel ch’io nudrii per voi nel molle petto

Quel ch’io nudrii per voi nel molle petto,
    Non solo fu desio, ma fero ardore
    Ed insolito foco e gran furore
    Che turbò l’alma e mi vi fe’ soggetto;
E ciascun mio sospiro ed ogni detto
    Formò chi resse imperioso il core,
    E tutti i passi miei scorgeva Amore
    Che mi fea vaneggiar per alto obietto:
Né v’avea colpa il vostro almo sembiante
    Né de’ begli occhi lo splendor sereno,
    Ma solo il mio tiranno e ’l mio pensiero.
Or voi men aspro ma più fermo impero
    Avrete in me, ché quanto avvampo io meno
    Tanto in servirvi sarò piú costante.

[Nel medesimo soggetto.]

(XVI Rime d’amore secolo)

Altre opere di Torquato Tasso ...



Top