Caricamento in corso...

Non men gran grazia, donna, che gran doglia

Non men gran grazia, donna, che gran doglia
ancide alcun, che ’l furto a morte mena,
privo di speme e ghiacciato ogni vena,
se vien subito scampo che ’l discioglia.
 Simil se tuo mercé, più che ma’ soglia,
nella miseria mie d’affanni piena,
con superchia pietà mi rasserena,
par, più che ’l pianger, la vita mi toglia.
 Così n’avvien di novell’aspra o dolce:
ne’ lor contrari è morte in un momento,
onde s’allarga o troppo stringe ’l core.
 Tal tuo beltà, c’Amore e ’l ciel qui folce,
se mi vuol vivo affreni il gran contento,
c’al don superchio debil virtù muore.

#ScrittoriItaliani (XVI Rime secolo)

Altre opere di Michelangelo Buonarroti ...



Top