Caricamento in corso...

Qual meraviglia è, se prossim’al foco

Qual meraviglia è, se prossim’al foco
mi strussi e arsi, se or ch’egli è spento
di fuor, m’affligge e mi consuma drento,
e ’n cener mi riduce a poco a poco?
 Vedea ardendo sì lucente il loco
onde pendea il mio greve tormento,
che sol la vista mi facea contento,
e morte e strazi m’eran festa e gioco.
 Ma po’ che del gran foco lo splendore
che m’ardeva e nutriva, il ciel m’invola,
un carbon resto acceso e ricoperto.
 E s’altre legne non mi porge amore
che lievin fiamma, una favilla sola
non fie di me, sì ’n cener mi converto.

#ScrittoriItaliani (XVI Rime secolo)

Altre opere di Michelangelo Buonarroti ...



Top