Caricamento in corso...

Io mi sedea tutto soletto un giorno

Io mi sedea tutto soletto un giorno
    Sotto gli ombrosi crini
    Di palme, abeti e pini,
    E cosí ascoso udía
    Lauretta insieme e Lia
    Nel solitario orrore.
Due vaghe ninfe appresso un chiaro fonte
    Tra l’erbe fresche e i lucidi ruscelli,
    Ambo a cantare ed a risponder pronte,
    Come di primavera i vaghi augelli;
    Ambe vidi con lunghi aurei capelli,
    Ambe soavi il riso,
    Bianche e vermiglie il viso,
    Ambe nude le braccia:
    Né so qual piú mi piaccia,
    Ché par ciascuna un fiore.
 
L’una diceva a l’altra:—Amor possente
    È piú di fera in selva e piú del foco,
    Piú che nel verno rapido torrente.
    20Amor si prende il mio languire in gioco,
    Ond’io cerco temprarlo a poco a poco
    Ch’arder già non vorrei
    Con tutti i pensier miei,
    Ma sol scaldarmi alquanto;
    Né tempra amaro pianto
    Il mio sí lungo ardore.—
E l’altra gli rispose:—Amor soave
    È piú ch’aura non suol di fronda in fronda,
    Quando non spinge al porto armata nave
    Ma sol fa tremolare i giunchi e l’onda;
    È via piú dolce d’ogni umor ch’asconda
    O stilli o foglia o canna,
    Piú di miel, piú di manna:
    E sol di lui mi doglio
    Ch’arde men ch’io non voglio
    In poca fiamma il core.—
E poi diceano insieme:—O sia col freno,
    O sia con legge o senza, amor felice
    Sol può far donna che l’accoglia in seno,
    E s’ella il fa palese e se no ’l dice.
    E sí come ogni fior di sua radice,
    E di fontana il rio,
    Di bellezza il desío,
    La dolcissima voglia
    Sí deriva e germoglia:
    Dunque viva l’amore!—

Descrive la bellezza di due leggiadre donzelle, il cantare a vicenda
e poi insieme.

(XVI Rime d’amore secolo)

Altre opere di Torquato Tasso ...



Top