Caricamento in corso...

Non ho sí caro il laccio ond’al consorte

Non ho sí caro il laccio ond’al consorte
    De la vita mortal l’alma s’avvinse,
    Come quel ch’or me lega, e voi già strinse,
    Già vago e dolce or duro nodo e forte:
Né quel famoso ch’al figliuol dié morte
    Del barbaro monile il collo cinse
    Lieto cosí quando il nemico estinse,
    Com’io di quel che v’ha le chiome attorte.
Ti cede, Amor, Natura: e non si sdegna
    Ch’ella ordisca fral nodo e ’l tuo non rompa
    Morte e con l’alma in ciel si privilegi.
E se gli altrui sepolcri illustre pompa
    Orna di vincitrice altera insegna,
    Per la servil catena il mio si pregi.

Dice d’aver piú caro il legame tolto a la sua donna, di quello che lega
il corpo con l’anima.

#ScrittoriItaliani (XVI Rime d’amore secolo)

Altre opere di Torquato Tasso ...



Top