Caricamento in corso...

Lasciar nel ghiaccio o ne l’ardore il guanto

Lasciar nel ghiaccio o ne l’ardore il guanto
    Amor piú non solea,
    Da poi che preso e ’n suo poter m’avea
    Nel laccio d’oro ond’io mi glorio e vanto.
Mentr’io n’andava ancor libero e scarco
    Il candor m’abbagliò di bianca neve
    Sí che non rimirai la rete e i nodi:
    Poi che fui còlto e di spedito e leve
    Tornai grave e impedito e caddi al varco,
    Coperse il mio diletto e ’n feri modi
    Sdegnò la bella man preghiere e lodi.
    Ahi, crudel mano, ahi, fera invida spoglia,
    Chi fia che la raccoglia
    Né sdegni i baci e l’amoroso pianto?

Si lamenta che la sua donna non lasci il guanto.

#ScrittoriItaliani (XVI Rime d’amore secolo)

Altre opere di Torquato Tasso ...



Top