Caricamento in corso...

Qual piú rara e gentile

Qual piú rara e gentile
    Opra è de la natura o meraviglia,
    Quella piú mi somiglia
    La donna mia ne’ modi e ne’ sembianti.
    Dove fra dolci canti
    Corre Meandro o pur Caistro inonda
    La torta obliqua sponda,
    Un bianco augel parer fa roco e vile
    Nel piú canoro aprile
    Ogni altro che diletti a meraviglia:
    Ma questa mia, che ’l bel candore eccede
    De’ cigni, or che se ’n riede
    La primavera candida e vermiglia,
    L’aria addolcisce co’ soavi accenti
    E queta i venti—col suo vago stile.
Un’animal terreno,
    Ch’è bianco sí che vince ogni bianchezza
    Ed ogn’altra bellezza,
    Morir piú tosto che bruttarsi elegge.
    Però, come si legge,
    È preso, e, per vestirne i duci illustri,
    Le sue tane palustri
    D’atro limo son cinte; e morto almeno
    Pregio ha di seno in seno,
    E per donna leggiadra ancor s’apprezza:
    Cosí la fera mia, perché s’adorni,
    La vergogna e gli scorni
    Piú che la morte è di fuggire avvezza;
    Né macchia il crudo arcier le care spoglie
    Mentre raccoglie—e sparge il suo veleno.
In Grecia un fonte instilla,
    Se labbra asciutte bagna il freddo umore,
    Profondo oblio nel core;
    L’altra bevuta fa contrari effetti,
    E ’n duo vari soggetti
    Sí mirabil virtú dimostra il cielo:
    Cosí questa, onde gelo,
    Fonte d’ogni piacer chiara e tranquilla
    Con una breve stilla
    Tôr la memoria può d’ogni dolore
    E render poi d’ogni passata gioia,
    Per temprar quella noia
    Onde perturba le sue paci Amore.
    Oh, vivo fonte, anzi pur fonti vivi
    Con mille rivi—ond’ei via piú sfavilla!
Se non è vana in tutto
    L’antica fama che pur dura e suona,
    Tra que’ che fan corona
    Nasce un bel fior che sembra un lucid’oro
    E vince ogni tesoro,
    Perché gloria ei produce e chiaro nome
    A chi n’orna le chiome;
    Né mai di sponda o di terreno asciutto
    Nacque sí nobil frutto.
    Ed un fior di bellezza in queste rive
    S’odora, e di mostrar ei nulla è scarso
    L’oro disciolto e sparso
    Ch’erra soavemente a l’aure estive;
    Ma di sua gloria coronato a l’ombra
    Cosí m’adombra—che m’è dolce il tutto.
Ne l’arabico mare
    È con un altro fior, come di rosa,
    Pianta maravigliosa,
    Che lui comprime anzi che nasca il sole;
    Poi dispiegarlo suole
    Quando egli vibra in orïente i raggi
    Per sí lunghi viaggi;
    E di nuovo il raccoglie, allor che pare
    Cader ne l’onde amare.
    Tal questa donna, in cui beltà germoglia
    E leggiadria fiorisce, al sol nascente
    Nel lucido orïente
    Par ch’i suoi biondi crini apra e discioglia;
    Poi ne l’occaso astringe aurei capelli
    Piú di lui belli,—e sol velata appare.
Una pietra de’ Persi
    Co’ raggi d’oro al sol bianca risplende
    E quinci il nome prende,
    E del bel lume del sovran pianeta
    Rassembra adorna e lieta:
    Cosí la pietra mia nel dí riluce,
    E la serena luce
    E ’l dolce fiammeggiar i’ non soffersi
    Quando gli occhi v’apersi.
    Ma segue un’altra poi de la sorella
    Il corso vago e di sue belle forme
    Par che tutta s’informe
    E di sue corna, e quindi ancor s’appella:
    Tal lei veggio indurarsi ascosa in parte
    Se torna o parte—fa sentier diversi.
Canzon, ch’io non divegna
    Fra tante meraviglie un muto sasso
    Solo è cagione Amor, che grazia impetra
    Da la mia nobil pietra:
    E spero andarne cosí passo passo,
    E pur quasi d’un marmo esce la voce
    Che manco nuoce—ov’è chi men disdegna.

Assomiglia la sua donna a diverse meraviglie.

(XVI Rime d’amore secolo)

Altre opere di Torquato Tasso ...



Top